Associazione Guide Alpine Gran Paradiso Canavese
Sci Fuoripista
Racchette da neve
Arrampicata
Bambini & Ragazzi
Avventure
Manifestazioni
Entra
Nome utente

Password

Ricordami



Cerca Pagine web




Chi siamo Gran Paradiso Contatti Home

Traversella

Traversella

Ad oggi la palestra di roccia di Traversella con oltre 500 vie distribuite su 21 settori è tra le più grandi e complete del nostro territorio, dai monotiri a vie di piu' lunghezze, distribuite principalmente su difficoltà medio basse (dal 3a al 6b) anche se non mancano gli itinerari decisamente piu' impegnativi (circa 40 vie dal 7a al 9a).
Potete trovare tutte le informazioni sulla palestra di traversella sul sito:www.traversella.net

Breve storia della palestra di Traversella:

è il 1952 quando alcuni alpinisti canavesani, tra i quali ricordiamo Enrico Frachey, Amerigo Sonza e Ferdinando Vallesa, scoprono queste pareti ed iniziano a tracciare le prime vie utilizzando lo stesso criterio con il quale si sale sulle vie in montagna.
E' di questi anni, ad esempio, l'apertura della "Normale del Primo Salto", uno degli itinerari piu' ripetuti ancora oggi, a distanza di 60 anni!.

In seguito la sezione del CAI di Ivrea comincia ad utilizzare sistematicamente questo luogo per i propri corsi d’arrampicata, attrezzando nuove vie e sviluppando il concetto di "palestra".

Negli anni ‘60 e ’70 altri arrampicatori danno il loro contributo aprendo nuove vie di difficoltà classiche, mediamente tra il III e il V grado, più qualche itinerario artificiale.
Carlo Biletta, Nazareno Valerio, Isidoro Meneghin, Giovanni Crotti, Gian Piero Motti, i fratelli Carlo, Franco e Pino Lana, Flaminio Martinelli, Mauro Fornero, Giorgio Bertone ci regalano bellissime vie ancora adesso molto frequentate:
- Placche Nere
- Tetti Rossi
- Spigolo Biletta-Valerio
- Concordia
- Via degli Istruttori
e altre ancora...

Si arrampica con gli scarponi e le protezioni di quel periodo sono costituite da cunei di legno, chiodi piantati nelle fenditure della roccia, fettucce legate attorno agli speroni rocciosi o agli alberi e tondini di ferro cementati nelle fessure (di questi ultimi se ne trovano ancora in giro ben fissati in qualche spaccatura).

Con gli anni ‘80 arrivano i primi ancoraggi fissati in parete manualmente (manufatti artigianali, lontani parenti degli attuali "spit") e, in seguito, l’utilizzo del trapano rende possibile la riattrezzatura dei vecchi itinerari e da impulso all’apertura di nuove vie, soprattutto sulle grandi placche del Torrione degli Istruttori (Annetta, Aspittando l’alba, Tequila bum, All’ombra dell’arcobaleno ecc.).

All’inizio degli anni ‘90 si arrampica su circa 25/30 itinerari e da Rivarolo e dintorni arrivano Davide Caresio, Dario Amateis, Gianni Pegoraro e Giorgio Cerutti.
Nascono vie come Ladri di Cristalli, Mariaetilica, Joe Falcetto, Soloist, Charas, Pakistana, Ametista, Pollastrini Volanti, Ti sei fumato l'impossibile, Sgora, Suffiriddi e altre ancora.

A fine anni '80 iniziano i lavori di ristrutturazione di una vecchia malga abbandonata e nel 1992 viene inaugurato il rifugio "Bruno Piazza", naturale punto di appoggio per gli arrampicatori e i frequentatori dei sentieri della zona.

Al piccolo gruppo di volenterosi chiodatori nel 1994 si aggiunge Claudio Getto (detto Caio), aggregatosi piu' che altro per la sua attivita' di grafico. E' infatti di quel periodo l'idea di mettere un po' di ordine sulle relazioni delle vie presenti.

Nel frattempo si chiodano i primi 13 monotiri del Salto delle Felci e nell'autunno del 1995 finalmente esce "Arrampicare a Traversella" la prima guida d’arrampicata monografica di questa palestra che relaziona tutte le 67 vie scalabili in quel periodo.

Negli anni successivi, grazie al supporto logistico del rifugio "Piazza" e a Caio (diventato il solitario ed unico chiodatore del posto) la palestra vive un sostanzioso sviluppo...nascono centinaia di nuove vie (il solo Salto delle Felci passa da 13 vie alle attuali 66) e nascono nuovi settori: la Paretina, le Masche, la Cotoletta, gli Eroi, la Nicchia, il Masso del Ghiro...

Nell'ottobre del 1998, dopo quasi un anno di lavoro, viene inaugurato il "Settore delle Speranze" una parete interamente attrezzata per i bambini, unica in tutto l’arco alpino per dimensioni e caratteristiche...65 vie super protette dal II grado al 6a appositamente realizzata per portare a scalare bambini ...

Tra il 2000 e il 2005, oltre ad altri lavori di chiodatura, viene anche attrezzata la Parete delle Anime, circa 70 vie dal III grado all' 8b e itinerari fino a 150mt di sviluppo.

Dal 2005 al 2007 si attrezzano vie al III Salto, altri 57 itinerari, tra monotiri e vie di piu' lunghezze, con difficolta' comprese tra il III grado e il 7b (e due monotiti di 30 metri sul livello 8).


 Versione stampabile